Cosmesi in Giappone

Giappone

L’evoluzione della cosmesi inGiappone va dall’ era Meiji (1862-1912), epoca di rivolgimenti radicali in Giappone, al periodo Decò (anni ’20 e ’30) e quello Pop (anni ‘ 60) fino alla sezione «Zen». Dietro l’ immagine della geisha Meiji, che si «spazzola» i denti con l’ acqua bollente prima di stendere la cipria sul viso, e nelle «modelle di acconciature» (1887), traspaiono in controluce alcuni importanti mutamenti sociali intercorsi, in Giappone, per le donne. Una realtà in continua evoluzione quella nipponica, legata alle tradizioni e influenzata dai modelli occidentali. Nel 1969, il poster disegnato da Eiko Ishioka – per la prima campagna Shiseido dedicata alle creme solari – fu censurato perché la donna giapponese non poteva essere abbronzata, come lo era la modella eurasiatica Bibari Maeda, e assomigliare alle occidentali. Poster divenuto cult tra le ragazze, che lo collezionavano incuriosite da una donna dallo sguardo orgoglioso. . Dopo il 1976, i designer di Shiseido ritrovano nella tradizione giapponese l’ ispirazione alternativa allo stile occidentale. Tornano così i canoni di bellezza orientali ): occhi a mandorla, pelle candida e capelli corvini. Un ritorno allo Zen, e ad un fascino che oggi ha conquistato le donne occidentali.

Il Make Up del Sol levante ha molte affinità con quello presente in Cina.

Molti punti sono in comune, mentre differiscono alcuni materiali utilizzati per la produzione di cosmetici.

bambina-vestita-da-geisha

Anche in Giappone le donne erano (e sono) solite sbiancarsi la pelle del viso, utilizzando la cipria bianca. La perfezione dei tratti è una caratteristica comune a molti popoli orientali, già dall’antichità, e rimane ancora oggi una tradizione seguita.

In particolare, in Giappone hanno uno stile tutto loro le Geishe, delle particolari figure femminili con il compito di intrattenere in maniera artistica i propri “clienti”. Non parliamo di prostitute, come spesso vengono additate, ma di donne dalla grande cultura, che amano danzare, parlare, recitare e cantare e lo fanno intrattenendo gli ospiti di sesso maschile.

Il trucco delle geishe è tradizionalmente orientale: viso pallido, bocca rossa e ben delineata, sopracciglia scure e sottili. Non vi ricorda il trucco delle donne cinesi?

Woman detail mouth lips red made up BeauLa differenza, come già detto, si trova nei materiali: il rosso che si usava per la bocca è un prodotto che nasce dai petali di cartamo, una pianta annuale orientale. A volte, anche lo zafferano veniva utilizzato per produrre il colore rosso.

Per le sopracciglia, i prodotti naturali erano l’ideale e spesso venivano utilizzati estratti di piante e fiori per creare dei pigmenti adatti al contorno occhi e alle sopracciglia stesse.

Gli occhi sono una parte fondamentale del trucco, in quanto è il punto di forza dei popoli orientali: è una caratteristica genetica che in passato veniva risaltata fino all’estremo, allungando di molto la coda dell’occhio grazie al colore nero.

Oggi, come in Cina, la moda occidentale ha “inquinato” quelle che sono le tradizioni popolari, ma resta un forte attaccamento alle Geishe, che lavorano ancora in tutto il Giappone.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...